Nel corso della giornata odierna, Casa Milan ha visto la visita di un intermediario che lavora nella Bundesliga e con stretti rapporti con il Borussia Dortmund. Secondo quanto appreso dal giornalista Gianluca Di Marzio, il professionista si sarebbe recato presso la sede rossonera per discutere dei margini di trattativa per un possibile passaggio di Pierre-Emerick Aubameyang al Milan.

Il bomber gabonese del Borussia sarebbe la prima alternativa in caso non si riuscisse ad arrivare allo spagnolo Alvaro Morata, che come già riferito nei giorni scorsi rimane in pole per la nuova dirigenza rossonera.
Ad avvantaggiare la trattativa c’è la mancanza di offerte concrete da parte di società concorrenti: Aubameyang non vuole trasferirsi in Cina e non è interessato a giocare in Premier League. Real Madrid e Barcellona, secondo Di Marzio, non hanno manifestato un reale interesse, mentre la pista Paris Saint-Germain rimane molto fredda (anche perché i francesi possono già contare su Cavani).

Stando a quanto riferito dall’esperto di calciomercato, la grana potrebbe essere costituita dall’ingaggio: Aubameyang incassa attualmente 4 milioni a stagione, ma suo padre punta a triplicarli con il suo prossimo contratto, passando a 12 milioni netti. La richiesta, estremamente esosa, potrebbe però non trovare nessun accoglimento, visto che non c’è nessuna asta per aggiudicarsi Aubameyang. Il Milan potrebbe quindi fare leva su questa strada momentaneamente spianata e proporre all’attaccante cifre più ragionevoli.

Classe 1989, Pierre-Emerick Aubameyang ha un valore di mercato di 65 milioni (ma il Borussia ne chiede circa 70). Quest’anno in Bundesliga conta 31 presenze, con 29 reti segnate e 2 assist. Si parla di un gol ogni 93′. Rosei anche i numeri in Champions League, dove la punta conta su 9 presente, 7 reti e un assist, con una marcatura ogni 101′.