Continua ad imperversare, in casa Milan, la questione del rinnovo di Donnarumma, sul quale sapremo di più nel corso delle prossime settimane. Tutti i quotidiani in edicola oggi parlano di una linea dura da parte della società rossonera, che non ha paura di perdere il ragazzo a zero e, per convincerlo a firmare per poterlo almeno vendere ad un prezzo congruo in caso di addio, è anche disposta a lasciarlo un anno intero in tribuna.

Finalmente, sulla questione è intervenuto Mino Raiola, agente del portiere rossonero, che ha mostrato una linea decisamente più morbida rispetto ad alcune uscite più recenti in cui, prima della cessione a Yonghong Li, si faceva beffe degli investitori cinesi interessati al Milan

“Il 95% delle notizie che girano su di me sono falsità. Nessuno ha mai detto che Gigio non vuole rinnovare con il Milan” ha dichiarato l’agente a Radio Deejay. “Un anno in tribuna? Non penso che i dirigenti del Milan abbiano detto una cosa simile. Io penso che qualcuno stia cercando di fare una guerra tra me e il Milan. Gigio, dopo la nazionale, se ne andrà in vacanza, poi vediamo cosa succede. Stiamo parlando con il Milan e vedremo: valuteremo tutto quello che c’è da valutare, io a parametro zero non porto via nessuno.”

L’agente è intervenuto anche ai microfoni dell’ANSA: per me è presto per decidere il futuro di Donnarumma, non capisco perché dovrebbe decidere un anno e mezzo prima della scadenza del suo contratto. Prendo atto di quello che dicono sui giornali, ma non penso che i dirigenti del Milan abbiano detto di voler mandare Gigio in tribuna. Meno si parla di lui, meglio è. Questa è una situazione difficile: io devo curare gli interessi di Donnarumma senza essere influenzato dai giornalisti e dal pubblico, devo trovare la soluzione migliore per lui. Stiamo valutando delle cose e non abbiamo ancora finito di farlo. Io non ho mai portato via nessuno giocatore a parametro zero. Ora Donnarumma andrà in nazionale e poi andrà in vacanza. Stiamo parlando con il Milan in via riservata e con serenità, è così che vogliamo continuare.

Come sempre, rimaniamo in attesa di sviluppi.