Dopo la sconfitta per 2-1 in Cagliari-Milan, Vincenzo Montella ha parlato ai microfoni di Milan TV, dicendosi poco soddisfatto dell’approccio avuto dai suoi nel corso del primo tempo. Il mister rossonero ha anche fatto il punto sul futuro e sui risultati raggiunti in questa stagione.

Cagliari-Milan: una sconfitta che dà fastidio

Sono state queste le parole del Mister: “è una sconfitta che mi dà particolarmente fastidio.” La gara con il Cagliari, effettivamente, non ha visto il Milan giocare con gli occhi della tigre: “non mi è piaciuto l’approccio, la prima parte: eravamo disattenti e non in partita, così siamo andati sotto. Nel secondo tempo la squadra ha giocato con più inerzia e ritmo, cercando di pareggiare e avendo a tratti la partita in pugno per cercare anche di vincerla. L’episodio finale ci ha condizionato.”

Una squadra che lotta fino alla fine

In una giornata in cui il Milan perde proprio nei secondi finali, Montella ricorda l’identità costruita quest’anno sui suoi rossoneri: una squadra che lotta fino al fischio finale.
Abbiamo creato un’identità e la voglia di non mollare mai, ma mi aspetto anche di iniziare a giocare nei primi minuti e non quando si presentano situazioni più difficoltose per noi per dare il meglio. C’è da lavorare, siamo tutti orientati su questo: adesso ci godiamo le vacanze dopo una stagione comunque positiva.”

Il Milan che verrà

Il Mister ha parlato anche di mercato, che è particolarmente in fermento per i colori rossoneri: “ci confrontiamo tutti i giorni con Mirabelli: abbiamo fatto delle valutazioni sulla squadra e sui singoli, su quello che si vuole proporre l’anno prossimo mantenendo una base importante. Ci saranno dei giocatori che per me saranno cedibili e incedibili, poi dipende dal mercato e dalla società.