Con l’acquisizione del Milan da parte di Yonghong Li, lo scorso mese di aprile, si è chiuso un capitolo di un vero e proprio romanzo, legato alla cessione del Milan da parte del presidente Silvio Berlusconi. Tutti i giorni i quotidiani riportavano notizie e contraddizioni, nuovi scoop e colpi di scena, cordate con advisor americani e presunte offerte da Jorge Mendes, prima di arrivare alla definitiva firma di Yonghong LiDavid Han Li nell’aprile scorso.

All’epoca, anche l’acquisizione del Milan da parte di Silvio Berlusconi visse di colpi di scena da romanzo sulle pagine dei quotidiani.

Tutti i tifosi del Milan che hanno seguito quotidianamente la vicenda non hanno dubbi: è stato praticamente un romanzo, che ora continua con i nuovi capitoli relativi ai conti, all’identità dei misteriosi proprietari alle spalle di Li e chi più ne ha più ne metta. Ma cosa scrivevano i giornali quando Berlusconi comprò il Milan? Anche all’epoca i tifosi del Milan dovettero vivere un vero e proprio romanzo prima di trovare una nuova continuità? La risposta è ovviamente sì, viste anche le condizioni finanziarie in cui versava il Diavolo con la presidenza Farina.

Dalla possibilità di finire in tribunale alla smentita di Fininvest sull’interessamento per l’acquisto, dalle voci su Armani all’impegno di Nardi, arrivando fino a Farina impegnato in Sud Africa che minacciava di mandare a fondo tutti e alla definitiva firma di Berlusconi che si impegnò a rifinanziare tutti i debiti della precedente gestione: il Milan ha sempre vissuto acquisizioni degne di un romanzo, negli ultimi trentadue anni.



Cosa scrivevano i giornali quando Berlusconi comprò il Milan?

Sono tutt’oggi accessibili diverse testimonianze, prese direttamente dai giornali dell’epoca, che ci consentono di rivivere la vicenda con i report comparsi sulle pagine dei quotidiani. Ringraziamo il sito Maglia Rossonera per aver reso disponibile buona parte di essi direttamente online.

Proponiamo qui la prima pagina di La Gazzetta dello Sport, già il 3 dicembre 1983 (Berlusconi comprò il Milan a febbraio 1986), in cui il celebre conduttore Mediaset Mike Bongiorno anticipava già le intenzioni del Cavaliere di comprare il Milan. Il romanzo, quindi, iniziò oltre due anni prima dell’acquisizione vera e propria.

La Gazzetta dello Sport, 3 dicembre 1983.

Ecco, ad esempio, la prima pagina di La Gazzetta dello Sport nel giorno in cui Farina venne estromesso dal suo ruolo di presidente del Milan, con l’intento del CDA di cedere la squadra rossonera a Silvio Berlusconi per evitare il fallimento:

Dal sito forum.tifonet.it

Umori ben diversi nella prima pagina del 19 dicembre 1985, quando la strada per la cessione cominciò a sembrare in discesa e iniziarono a circolare anche nomi come l’allora quarantunenne Adriano Galliani per il ruolo di amministratore delegato del nuovo Milan di Silvio Berlusconi:

La Gazzetta dello Sport, 19 dicembre 1985.

Seguendo il filone di La Gazzetta dello Sport, riportiamo anche la pagina del giorno dopo l’acquisizione del Milan da parte di Silvio Berlusconi. Da notare, però, che erano ancora in corso le analisi legali sui conti della gestione Farina, come citato nell’articolo.

La Gazzetta dello Sport, 21 febbraio 1986.

Prima della firma: gli articoli di La Repubblica e La Stampa

Non siamo purtroppo in possesso di altri documenti da La Gazzetta dello Sport sull’acquisizione del Milan da parte di Silvio Berlusconi, ma i ragazzi del sito Maglia Rossonera hanno per fortuna messo le mani su diverse altre testimonianze dalla carta stampata. A questo link trovate l’articolo de La Stampa del 20 gennaio 1986, tra i forse e le telefonate ipotetiche del futuro presidente. Nel numero in edicola il 13 febbraio 1986 (ad una settimana dalla firma definitiva), si parla invece di accordo ormai raggiunto, anche se la cosa genera tensioni in Federcalcio. Il 21 febbraio, infine, le azioni vengono dichiarate ufficialmente in mano a Silvio Berlusconi, mentre iniziano i guai legali per i membri del precedente CDA, che avevano lasciato una situazione debitoria che portò il Milan sull’orlo del precipizio.

La Repubblica definì la vicenda della cessione del Milan “un acquisto dai mille misteri”

Ancora più interessante è la testimonianza che Maglia Rossonera ha raccolto dall’archivio storico del quotidiano La Repubblica, che è il maggior testimone dei capovolgimenti di fronte vissuti dalla trattativa, da gennaio 1986 in poi. Gli articoli furono a cadenza giornaliera e riferivano di Farina intento a risultare nullatenente, di Berlusconi non intenzionato a comprare un Milan dalla valutazione eccessiva, di un possibile concorrente per l’acquisto del club per Berlusconi (poco più di un mese prima della vendita definitiva) e di un Milan destinato probabilmente al fallimento. Questo, prima che a febbraio si arrivasse invece agli accordi, dopo un articolo che aveva parlato di “Milan, un acquisto dai mille misteri“. Potete trovare il report completo di tutti gli articoli del quotidiano La Repubblica sull’argomento, da gennaio 1986 a maggio 1986, a questo link.

Le cordate che vogliono il Milan: il Guerin Sportivo

Vale la pena riproporre anche le pagine di Guerin Sportivo che parlarono dell’acquisizione del Milan prima che questa avvenisse, in cui si elencavano anche i nomi dei possibili acquirenti. Veniva citato anche Paolo Berlusconi insieme al fratello Silvio Berlusconi, ma era solo uno dei possibili candidati, tra i quali figuravano anche diverse cordate.

Il Guerin Sportivo sulla cessione del Milan da parte di Farina
L’articolo a firma di Marino Bartoletti sul Guerin Sportivo.

Lo stesso Guerin Sportivo seguì da vicino le vicende della cessione del Milan anche a gennaio 1986, quando la firma era ormai prossima:

Il periodico sportivo propose anche un altro approfondimento a tema ad acquisizione fatta, nel numero che uscì in edicola il 26 marzo 1986.

Il calcio come storia da vivere

Come avrete notato, quindi, anche i tifosi rossoneri dell’epoca ebbero la loro soap opera da seguire, con la vicenda della cessione del club da Farina a Berlusconi – anche se, in questo caso, aleggiava anche lo spettro del fallimento in caso non si arrivasse ad un accordo.

Trentadue anni dopo, i tifosi stanno vivendo con altrettanto coinvolgimento i primissimi passi della nuova proprietà, insediatasi nell’odierna sede di via Aldo Rossi dopo un nuovo romanzo durato mesi e che ha coinvolto cordate, fondi, mr. Bee, advisor e una miriade di personaggi che, a loro modo, sono entrati nella storia del Milan.

Vi consigliamo di visitare questa pagina del sito Maglia Rossonera per diverse altre testimonianze dell’epoca della cessione a Berlusconi, che includono anche gli striscioni e le manifestazioni dei tifosi in favore del nuovo proprietario.

Ricordiamo che abbiamo proposto sulle nostre pagine anche un approfondimento dedicato al primo anno del Milan di Berlusconi, in cui i rossoneri dovettero mettere pazientemente le basi per i successi che fecero poi la Storia del calcio.