Cristiano Ronaldo, ritorno di fiamma clamoroso: c’è l’offerta

CR7 è ormai al capolinea con i Red Devils.

Tutti fanno la corte a Cristiano Ronaldo per gennaio: la sua avventura in Premier League potrebbe terminare presto, ed ecco che si fanno avanti i primi pretendenti.

ronaldo lingua
Cristiano Ronaldo Manchester United (ANSA)

La situazione di Cristiano Ronaldo è diventata un vero e proprio caso mondiale. A partire dai rapporti incrinati con il Manchester United e il suo allenatore Erik ten Hag, il portoghese ha scatenato la mobilitazione del suo agente, il potentissimo Jorge Mendes. Già in estate Mendes aveva avviato i contatti con i top club d’Europa, ma nessuno formulò offerte adeguate.

Migliaia voci di mercato hanno accostato nei giorni scorsi l’ex Juventus ad un ritorno di fiamma in Serie A al Napoli, in caso di partenza di Osimhen. Victor, in realtà, ha ingranato con Spalletti e non sembra intenzionato a cambiare la sua maglia azzurra. Il nome di Ronaldo era stato accostato anche a club ricchissimi come il PSG e Chelsea, gli unici a poter sostenere le spese del suo stipendio, ma per ora nulla di concreto.

Si è invece aperto uno spiraglio per CR7 per un possibile ritorno nell’ex squadra che l’attaccante ha tanto amato.

La folle offerta: Cristiano torna a casa?

cristiano ronaldo gioca
Cristiano Ronaldo allo Sporting Lisbona (ANSA)

Dati alla mano, l’ingaggio di Ronaldo non sarebbe complicato per il costo del cartellino che si aggira sui 20 milioni di euro (dati a cura di Transfermarkt.it), quanto per le importanti richieste dell’attaccante e del suo entourage. Il passaggio di squadra di un nome come quello di Cristiano, infatti, richiede la mobilitazione dell’intero staff del calciatore, e dunque onerosissime spese al di fuori dell’effettivo trasferimento.

Spese che lo Sporting Lisbona spera di poter colmare per vedere il suo fenomeno tornare a vestire biancoverde.

La squadra portoghese – riporta il quotidiano inglese Sunday Mirror – avrebbe in serbo per il calciomercato invernale un’offerta al Manchester United. Regalo non da poco per i suoi tifosi, ma senza dubbio un investimento che non passerebbe inosservato per le casse del club. Se CR7 vuole davvero tornare a casa, deve anche essere incisivo per non mandare lo Sporting in bancarotta.