Milan, che mazzata: non ci saranno contro la Cremonese

Il Milan batte in extremis lo Spezia ma ora deve rinunciare a due titolari nel prossimo match contro la Cremonese nel turno infrasettimanale

Una vittoria fondamentale, sudatissima che ha evitato il possibile remake di quanto avvenuto lo scorso anno. Ci è voluta una sforbiciata di Giroud all’89 per regalare tre punti al Milan e battere uno Spezia che, dominato nella prima frazione, aveva sorprendentemente trovato il pareggio con Daniel Maldini a inizio ripresa.

Milan
Milan (©ANSA)

Un sospiro di sollievo per Pioli e i tifosi rossoneri. Con il Napoli vincitore anche a Bergamo con l’Atalanta un eventuale -8 sarebbe stato un macigno per il Milan, cui rimangono ancora due partite da affrontare prima della pausa per il Mondiale di Qatar 2022.

Nella prima contro la Cremonese, in programma martedì 8 novembre alle 20.45, Pioli dovrà rinunciare a due calciatori importantissimi del suo schieramento, entrambi squalificati, in seguito ai provvedimenti disciplinari presi dall’arbitro Fabbri nel convulso finale di partita.

Milan, due squalificati contro la Cremonese

Pioli
Pioli (©ANSA)

Si tratta dei due autori dei gol contro lo Spezia ovvero Theo Hernandez e Olivier Giroud. Il primo, già diffidato, è stato ammonito in seguito a uno scontro-rissa con Nzola. Quest’ultimo aveva precedentemente commesso fallo su Tonali. Hernandez ha reagito spintonando l’avversario poi caduto a terra. Ne è seguito un parapiglia che ha coinvolto anche Giroud, anche lui ammonito.

Il secondo cartellino giallo per l’attaccante transalpino è arrivato dopo il gol del 2-1. Scatenato nell’esultanza, Giroud si è tolto la maglia, lanciandola in aria. Inevitabile un’altra ammonizione per Olivier che ha poi seguito il finale di partita dal tunnel degli spogliatoi. Nel post gara, l’attaccante, incalzato sull’espulsione ha dichiarato di essersi dimenticato di essere stato ammonito precedentemente.

Senza Theo, a Cremona, scelta obbligata per Pioli che può sostituirlo con l’unica alternativa nel ruolo ovvero Ballo Touré. In avanti, invece, potrebbe di nuovo partire titolare Origi nel possibile ballottaggio con Rebic, entrato nel finale con lo Spezia e schierato nuovamente a destra come contro il Salisburgo.

Il Milan ha dovuto rinunciare a Hernandez già in due partite in questa stagione contro l’Empoli (1-3) e il Chelsea in Champions (3-0 a Londra), nelle quali l’esterno era indisponibile per un infortunio muscolare subito nel corso del match con il Napoli.